I bisogni di salute del paziente fragile: quali risposte

Domani 27 maggio il corso ECM al San Raffaele Montecompatri

Si terrà domani presso il San Raffaele Montecompatri, dalle ore 8.30 alle ore 13.35, il corso ECM intitolato “I bisogni di salute del paziente fragile: quali risposte".

Dalla diagnosi di fragilità alla gestione del paziente fragile, dal ruolo della riabilitazione all’assistenza domiciliare: di questo e molto altro si discuterà nel corso del convegno, per esplorare a fondo le diverse tematiche connesse a questa tipologia di pazienti, quali ad esempio i problemi di salute ad essi associati, la complessità, sia per il personale sanitario che per i familiari, della gestione e dell’assistenza.

«Il concetto di fragilità», spiega la Dott.ssa Marzia Ruggi, Responsabile Reparto RSA San Raffaele Montecompatri, è stato oggetto di crescente interesse nell’ultimo trentennio, e, benché ampio spazio vi sia stato dedicato dalla letteratura scientifica, non è stato raggiunto ancora un pieno accordo circa criteri più corretti per identificarlo».

«Sono numerosi i criteri per riconoscere la fragilità», conclude, «e per la maggior parte dei casi si utilizzano scale di valutazione che hanno il pregio di essere di facile somministrazione e che sono riproducibili nel tempo, non essendo più sufficiente un riconoscimento solo su base clinica. La persona fragile infatti va precocemente individuata e sorvegliata perché, se identificata precocemente si può evitare che evolva verso una condizione di morbilità e disabilità».

Visualizza la locandina

Vota questo contenuto
Commenti

Pubblica un commento

Captcha